Cariati, 3° Global fridays for future all’IIS

Anche l’IIS CARIATI ha aderito alla giornata conclusiva del 3° Global fridays for future, il movimento dei giovani per il clima, ispirato dalla 16enne svedese Greta Thunbergche, nella giornata del 27 Settembre, ha visto scendere in 180 piazze italiane e in ben 27 Paesi del mondo, migliaia di giovani per il terzo sciopero globale del clima, dopo quelli del 15 marzo e del 24 maggio scorso. 

La  partecipazione a questa lodevole iniziativa è stata fortemente voluta dalla Dirigente Scolastica, prof.ssa Sara Giulia Aielloche, negli istituti  da lei diretti, ha inteso dar seguito all’invito del ministro dell’istruzione, Lorenzo Fioramonti, di promuovere iniziative atte a sensibilizzare i giovani sull’annoso problema ambientale. 

Per la DS Aiello, particolarmente sensibile a questa tematica, “la scuola è da sempre un luogo in cui i cittadini di domani vengono formati e guidati nella conoscenza di ciò che li circonda”. In questo senso, “oggi sempre di più, l’educazione ambientale assume un ruolo chiave all’interno delle aule scolastiche. Insegnare ai giovani il rispetto per l’ambiente, la distinzione fra energie rinnovabili e non rinnovabili, le cause che provocano l’inquinamento ambientale e altre tematiche simili – per la DS dell’IIS CARIATI – diventa una risorsa imprescindibile per poter formare dei cittadini consapevoli e in grado di agire in futuro per il bene della comunità”. 

Ed è per questo chela Dirigente Scolastica, disponibile e propensa a far partecipare i suoi allievi a proposte formative di questo tipo, ha accolto con molto entusiasmo la richiestaavanzata daglistudenti,di trascorrere questa importante giornata,svolgendo attività alternative alla didattica curriculare, ma altrettanto importanti da un punto di vista formativo. La DS dell’IIS CARIATI ha permesso, infatti,  che i suoi studenti, troppo distanti logisticamente dalle principali piazze calabresi, nelle quali si stavano svolgendo le manifestazioni sul tema, facessero attivitàalternative, contestualizzando cosìl’iniziativa ministeriale alla realtà del proprio istituto.

E ogni plesso, a proprio modo, ha partecipato con varie realizzazioni.

Interessante e divertente l’iniziativa del Liceo Scientifico e Linguistico di Cariati: qui i ragazzi, opportunamente guidati e stimolati dai docenti, dopo aver dedicato una parte della mattinata alla visione di filmati sull’ambiente e sulle attività della Thunberg, anche in lingua inglese, e aver discusso del concetto di sostenibilità,armati di guanti e di paletta,si sono attivati per pulire gli spazi aperti dell’Istituto,  raccogliendo e differenziando tutti i rifiuti presenti nel cortile e nella palestra, testimoniando, in questo modo, “un ottimo lavoro di cittadinanza attiva, mirato a salvare il mondo, partendo dal rendere più gradevoli gli spazi che ci circondano”. Per i docenti coinvolti nell’iniziativa, inoltre, “la salvaguardia dell’ambiente passa anche dalla tutela del patrimonio culturale e antropologico”:questo il messaggio che è emerso nel dibattito con gli alunni, i quali a tal proposito, hanno posto,ai loro docenti,interessanti questioni circa “le tipicità del territorio, le antiche usanze alimentari dalla Magna Grecia ai giorni nostri, fino all’importanza della dieta mediterranea, tutelata dall’Unesco come bene immateriale, proprio perché a tavola si riuniscono intere generazioni che tramandano usi e costumi tradizionali”.Il concetto di sostenibilità, insomma, è stato esteso a tutte le tematiche della società civile, non solo a quelle ambientali, ma anche al corretto stile di vita alimentare, ai comportamenti atti a contrastare lo spreco di cibo e di risorse energetiche. 

Altrettanto interessante l’iniziativa dell’ IPSSEOA dove le prof.sse Gentile, Mancini e Sinopoli,hanno dato vita ad un incontro/dibattito a cui hanno partecipato gli alunni e i docenti di tutte le classi.

“L’iniziativa e la risposta ottenuta – spiegano le docenti- sono i segnali di una crescente presa di coscienza sulle condizioni critiche dell’intero pianeta, sulla necessità di informare e formare la comunità scolastica su di un problema di proporzioni mondiali”. Per le docenti  lo scopo di questa giornata è stato quello di sottolineare che il riscaldamento globale “non è solo un tema da addetti ai lavori o da rubrica scientificama, invece, bisogna porre l’accento anche  sui vantaggi e sui miglioramenti derivabili da un impegno globale”. 

Anche all’ITI  “G.Mazzone”,  durante il terzo ‘Fridays for Future’  diversi giovani studenti hanno chiesto alla politica di mobilitarsi concretamente per l’ambiente, prestando attenzione ai richiami del mondo scientifico e degli studiosi più prestigiosi di tutto il mondo: lo hanno fatto mettendo in atto interventi didattici mirati e attinenti all’educazione ambientale, intesa come educazione alla sostenibilità, all’uso consapevole delle risorse, alla riduzione dei rifiuti e alla raccolta differenziata: attraverso presentazioni in powerpoint, video, documentari, film, piccoli dibattiti, hanno approfondito il delicato tema della riduzione dell’impronta ecologica. A coordinare i lavori la prof.ssa Angela Falbo, responsabile del dipartimento di scienze e tecnologie del’istituto, cheinsieme a tutti  i docenti curriculari “ha rinforzato percorsi di consapevolezza del sé personale e sociale,atti a strutturare comportamenti responsabili ispirati al rispetto della legalità e della sostenibilità ambientale”. Va detto, inoltre, che l’Istituto Mazzone non è nuovo a questo tipo di proposte didattiche: proprio le tematiche ambientali risultano, infatti,  tra quelle più  rilevanti. Lo conferma  la partecipazione al  SERR , nell’ambito del “Progetto di educazione alla salute e autocura  delle Scuole” che permette, ad alunni ed insegnanti, di compiere  un cammino di formazione ecotecnologica: un’educazione ambientale a 360 gradi, insomma, tesa alla responsabilizzazione di ognuno.

Esperienza formativa ugualmente importante per gli studenti dell’ITE e del Liceo Scientifico di Mirto che, opportunamente istruitidai docenti Urso, Manna e da Don Michele sulla delicata questione ambientale, nel loro incontro con gli studenti si sono soffermati “sull’importanza del coinvolgimento di ogni famiglia nell’azione comportamentale a difesa del clima e sull’importanza della salute dell’ambiente, come tutela della salute dei cittadini”:i docenti fanno sapere inoltre che, sul tema, è prevista per il 4 ottobre una giornata formativa presso il Teatro Comunale di Mirto con la partecipazione di docenti/ricercatori dell’UNICAL di Rende (CS). 

Molto soddisfatta del successo di questa iniziativa si è detta la Dirigente Scolastica, che ringrazia i suoi docenti “del sostegno e della collaborazione” ma, soprattutto, ci tiene  a complimentarsi con i suoi  studenti  per “la maturità dimostrata e per essere riusciti a comprendere profondamente lo spirito di questa giornata”. Per la DS, infatti,  “si è trattato di un evento di straordinaria rilevanza didattica” dove gli studenti, protagonisti attivi,  “hanno avuto modo di fare esperienza non solo dal punto di vista ecologico, ma anche, e soprattutto, dal punto di vista didattico, collaborativo e solidale”. 

La responsabile UFFICIO STAMPA  e comunicazione 

prof.ssa Concetta Cosentino