“Cariati unita” : basta clima di veleni e di ingiurie

Comunicato stampa 

“Basta con i veleni, le ingiurie, la prevaricazione. Cariati ha bisogno di altro: di serenità, di confronto, di impegno libero, civile e democratico. C’è bisogno di riportare quelle idee di libertà, di democrazia, di giustizia sociale, di progresso, indispensabili per la collettività”. E’ il chiaro e forte monito di Leonardo Trento, candidato a Sindaco della coalizioneCariati Unita, rilanciato eribadito da tutti i consiglieri della lista nel corso dell’ultimo comizio tenuto in una via Bari stracolma di uomini e donne stanchi del clima di intimidazione, di offesa, di degrado sociale, in cui, negli ultimi due anni, è piombata la cittadina di Cariati.

Solidarietà, nel corso della serata, è stata espressa a Pasquale e Dario, i due giovani alla guida della macchina pubblicitaria colpiti da pietre e fortunatamente rimasti illesi. A gran voce è stato condannato il grave episodio, mai accaduto prima d’ora a Cariati, che tuttavia- ha ribadito la candidata consigliere Maria Crescente -“non riuscirà a fermare la mano che il 10 giugno impugnerà la matita”.

Ferma condanna alle calunnie montate ad arte è stata ribadita dal candidato Pasquale Marino, consigliere comunale dimissionario che ha poi portato allo scioglimento anticipato del consiglio comunale per il rinnovo del quale il prossimo 10 giugno si tornerà al voto. Dimissioni che non vanno ricercate in nessun losco interesse personale, come si vorrebbe far credere, ma nella mancanza di comunicazione, di confronto e di coinvolgimento su problematiche importanti quali il PSA, il turismo, la questione idrica, il piano spiaggia, il porto che sono riusciti ad affossare – ha dichiarato Marino- per l’incapacità del tecnico esterno al quale avevano conferito l’incarico; un tecnico spacciato come il migliore della Calabria e che ha presentato un progetto bocciato dalla Regione, con conseguente perdita di un finanziamento di 5milioni di euro.

Dello stesso tenore l’intervento del candidato Tommaso Critelli che auspica ad una Cariati libera da padroni e da chi ha perseguitato dipendenti comunali, operatori ecologici ed imprenditori.

E’ il più giovane dei candidati consiglieri di questa competizione elettorale, Edoardo Trento, a soffermarsi sul primo punto del programma elettorale di “Cariati Unita”: la tutela della dignità della persona che “deve ritornare al primo posto nella scala dei rapporti tra la cosa pubblica, i cittadini e chi governa la cosa pubblica”.

Nel suo intervento il candidato a Sindaco Leonardo Trento ha sottolineato il suo impegno e quello
della sua “squadra”: “riportare Cariati al posto che merita e riattivare quei canali di finanziamento che per 2 anni sono spariti. Cariati- ha aggiunto- ha bisogno di essere al centro delle politiche di investimento della Regione Calabria e del Governo Centrale e questo con l’
aiuto di chi pensa al bene di Cariati e dei cariatesi e non dei propri interessi personali”.

Il prossimo appuntamento della lista Cariati Unita è martedì 29 maggio, alle 18,30, in piazza Plebiscito a Cariati centro.