TEATRO IN LINGUA INGLESE: I LICEALI DI CARIATI ASSISTONO A “DR JEKYLL AND MR HYDE”

Anche quest’anno agli studenti del Liceo Scientifico – Linguistico di Cariati, diretto dal dott. Franco Murano, è stata data la possibilità di vivere l’esperienza del teatro in lingue. 

Il 21 novembre scorso, infatti, le docenti Dina Gangale, Viviana Amato, Carmen Ruffo e Concetta Cosentino hanno accompagnato  gli alunni del triennio a Cosenza, per assistere a “Dr Jekyll and Mr Hyde” una rappresentazione teatrale in lingua inglese, tratta dalla celeberrima opera di Robert Louis Stevension” lo strano caso di “Dr Jekyll and Mr Hyde” uno dei più grandi classici della letteratura fantastica di tutti i tempi. E al Garden di Rende è stata  magistralmente portata in scena una versione ambientata nella Londra dei giorni nostri. 

Il focus di questa rappresentazione è stata la metamorfosi del dott. Henry Jekyll, medico affermato, che con una pozione dagli effetti straordinari  si trasforma nel perturbante Edward Hyde,  facendo emergere la sua seconda natura, non domata da morale o educazione. 

Quello del doppio è proprio il grande tema della letteratura europea moderna da H.C. Andersen a H.Melville, da E.A.Poe a R.L.Stevenson, da L. Pirandello ad A.Artaud e questa storia in particolare, per la prof.ssa Dina Gangale,   che ha anche curato l’organizzazione dell’uscita didattica “ha offerto tra i ragazzi vari spunti di riflessione e di dibattito”. 

Per la docente di Lingue, inoltre , va sottolineata “l’importante ricaduta educativa e didattica di questo tipo di esperienze dove gli spettacoli, dice, sono scelti tra quelli più significativi proprio per approfondire le discipline curricolari”.  

Grande soddisfazione è stata anche espressa dal Dirigente Murano per il quale, ”in un contesto di scarso utilizzo della lingua straniera come mezzo di comunicazione, qual è il nostro, è necessario per i ragazzi fare queste attività in cui l’uso della lingua avviene in situazioni di realtà, così da stimolare nei discenti l’interesse e la curiosità per la lingua straniera”.

L’opera che è stata messa in scena utilizzando un’ambientazione polivalente, dove in alcuni momenti dello spettacolo venivano recitate diverse scene contemporaneamente, ha catalizzato l’attenzione di docenti e alunni in maniera straordinaria.

Concetta Cosentino