AL CARIATESE FRANCO LIGUORI IL PREMIO INTERNAZIONALE SILVANA LUPPINO

Per l’impegno nella promozione dei beni archeologici eartistici della Calabria. Riconoscimento anche ad Olga Kisseleva dell’associazione Italia-Russia

 Di Maria Scorpiniti 

CARIATI – II cariatese Franco Liguori, cultore di studi storico-archeologici sulla Magna Grecia e presidente della sezione calabrese della Sipbc (Società italiana per la protezione dei beni culturali), ha ricevuto il prestigioso Premio Internazionale Silvana Luppino, giunto alla sua quarta edizione, che mette in risalto l’opera e la professionalità delle persone che, in vari ambiti, danno lustro alla Calabria. Tra i premiati, anche la dottoressa Olga Kisseleva, cariatese d’adozione, nella sua qualità di presidente dell’attiva associazione culturale Italia-Russia.

Per il professore Liguori, si tratta di un meritato riconoscimento per anni di studio e di impegno in favore della divulgazione e della difesa del patrimonio archeologico e artistico calabrese, ma anche per le tantissime iniziative culturali portate avanti con competenza e passione. La cerimonia di premiazione è avvenutanei giorni scorsi a Crotone, nel corso di due giornate culturali organizzate dall’associazione  SO.DA.LE di Cassano Jonio, in collaborazione col Comune di Crotone. La prima giornata è stata dedicata ad un convegno sul turismo archeologico in Calabria e nelle altre regioni della Magna Grecia, durante la quale Liguori ha tenuto un’apprezzata relazione in cui ha spiegato, tra l’altro, come il ricco patrimonio archeologico della Calabria potrebbe fare da volano per lo sviluppo economico della sua popolazione.

Secondo Liguori, infatti, occorre promuovere le antiche città coloniali della Magna Grecia (Sibari, Crotone, Locri, Reggio) in una prospettiva di maggiore respiro, che coinvolga anche la Basilicata, la Puglia e la Campania. «Una sinergia operativa fraregioni – ha detto in proposito lo studioso potrebbe portare alla realizzazione di un progetto di promozione turistica in grado di creare ricchezza e occupazione». Lo stesso Premio Luppino, ha aggiunto, potrebbe essere l’occasione per mettersi insieme erealizzare l’itinerario interregionale della Magna Grecia  che possa portare i turisti, italiani e stranieri, a visitare le preziose testimonianze archeologiche di Metaponto, Sibari, Crotone, Locrie Reggio.

Al dibattito, moderato dalla giornalista Maria Bonaiuto e seguito dalla tv crotonese Esperia TV, sono intervenuti tra gli altri:Alfonso Andria, ex parlamentare europeo; il sindaco di Crotone, Ugo Pugliese; Gregorio Aversa, direttore del Museo Archeologico di Crotone; la consigliera regionale Flora Sculco.