A CARIATI L’ARTE VIVA DI TIZIANA GRECO

La pittrice strongolese nel centro storico per onorare la memoria dello zio Enzo Caminiti

di Maria Scorpiniti

CARIATI – Un suggestivo “angolo delle arti” vive da alcuni anni nelle estati del centro storico, a Cariati, grazie all’iniziativa di Giovanni Filareti, titolare del noto wine-bar “La Cantina”. Nei giorni scorsi, ha ospitato la performance artistica della pittrice Tiziana Greco. Un talento “esploso” da alcuni anni che ha portato l’artista, che nella vita è un ingegnere civile, a realizzare pregevoli produzioni con una personalissima tecnica di acrilico su telaispirata alla natura, ai luoghi che si traducono in armonie di colori e forme.

A Cariati, le sue opere esposte hanno valorizzato un angolo bellissimo del borgo medievale, appena dopo l’arco di accesso di Porta Pia, nello slargo situato tra la Cantina e la chiesetta seicentesca della Trinità, con vista sul maestoso campanile, pure del ‘600, e la cupola maiolicata della cattedrale dedicata a San Michele Arcangelo.

L’artista, che è nata a Strongoli (KR) ma ha vissuto la propria infanzia a Cariati, luogo natale della mamma Angela, domenica scorsa ha realizzato in estemporanea una magnifica opera ispirata al mare Jonio e al caratteristico borgo marinaro “così come l’avevo nel cuore”, ha dichiarato sottolineando di aver voluto questo evento anche per onorare la memoria dell’amato zio Enzo Caminiti, di Cariati, scomparso prematuramente qualche anno fa.

La sua performance è stata accompagnata dalle musiche e dalle canzoni di Giacinto Caligiuri. Tanti gli applausi e gli apprezzamenti di cittadini, estimatori venuti anche da fuori eturisti che hanno avuto modo di ammirare l’opera e il talento di un’artista esordiente solo sotto l’aspetto cronologico, ma matura per tecnica e qualità delle sue opere.